Tag Archives: caffè
Immagine

1 di #100happydays: l’identità

20 Apr

Mi è sempre piaciuto leggere, i fiori, il caffè, i giorni di festa, le mattine col sole, le terrazze.

 

 

100happydays

Mattina di Pasqua affacciata alla luce

 

 

Happy Easter con il primo di #100happydays: una felicità al giorno per 100 giorni di fila.

È da quando Alessandra ne ha scritto sul suo blog che penso “Potrei farlo anche io!”

Non sono costante sulla lunga distanza. è un mio grande limite. Anche per superare questo limite voglio provare a stare su un impegno per 100 giorni di fila. E perché la felicità, insieme alla libertà, è nelle mie corde: per condire la mia vita di piccoli attimi dedicati tutti a me, piccoli attimi a misura della mia pura felicità anni fa ho scelto di andare a vivere da sola.

Da oggi, ogni giorno per 100 giorni, fotograferò questi attimi.

Annunci
Immagine

Periferia della gioia

6 Ott

il corpo tenue, mosso dal vento,
percorre una strada
gli sono concessi i fiori, l’erba che ondeggia
e il sogno della principessa
nella stanza, la dolce certezza
di non essere
visibili
[…]
avanzando nella distanza
si può anche trovare un corpo, al confine

Milo De Angelis, Poesie, Mondadori, Milano 2008

anche se la voglia
è di credere subito a tutto
(Milo De Angelis)

È tornato il sole sulle mie braccia nude dietro i vetri della finestra. Questo autunno sembra una primavera del corpo, è senza resa e senza battaglia. È abbandono, è periferia della gioia e spinge più in là. Sono entrata nella notte, ma è a questa luce carica dei mattini che cede ogni mia mollezza.
[Guardarti da lontano, dal buio, è già scrivere i giorni]

Immagine

Lettera d’amore n. 6 – Del sapere che mi piace

28 Ago

Sei suite di Bach per violoncello solo

lo strumento più simile alla voce umana.

Vuoto e silenzio intorno,

ogni suono un miracolo,

niente immagini o inganni,

da vedere niente:

è il racconto monotono stupendo

del nostro andare —

tu lo sai verso dove.

Io non so se mi piace

tutta questa bellezza.

(Anna Maria Carpi, L’asso nella neve, Transeuropa, Massa 2011, p. 112)

20130817-145228.jpgMi piace tutta questa bellezza, io lo so invece. E l’andare che tu sappia dove, io no. L’alta soglia di rischio che mi assumo è nell’affidare a, fuori di me.

Fuoriuscire, non riversarsi.

[Mi si spezzano il fiato e la parola, il cuore occupa tutto lo spazio e lotta con gli occhi che non smettono di guardarti mai]

Immagine

Lettera d’amore n. 4 – Dell’intenzionalità

18 Ago

questa luce troppo tenera che chiama…

che mentre io trabocco

di liquido entusiasmo,

mi toglie a me

e mi consegna all’aria…

(Patrizia Cavalli, Datura, Einaudi, Torino 2013, p. 44)

Attorno al caffè si costruiscono storie

Attorno al caffè si costruiscono storie

Dalla finestra della mia camera di bambina la luce la ricordo arrivare velata di grigio da sempre. Non mi sono scoperta qui, non sono (ancora) scoperta dietro questa finestra, non sono mai scoperta. Dentro questa stanza vige la cristallizzazione dei ricordi. Irrompe l’odore del caffè, tu sarai in terrazza e io arriverò?

Ho immaginato le tue labbra

25 Giu
Bevo il terzo caffè, da una tazzina bianca come la luce delle mattine di Giugno a ridosso del solstizio.
L’aria è fresca, agita i panni stesi e le piume bianche di un cuscino vecchio ormai di qualche anno.
Stanotte ho poggiato le labbra sul bordo della tua tazzina, lì dov’erano le tue ho immaginato. Ho immaginato il punto esatto.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: