Archivio | settembre, 2013

L’amore di Kafka

9 Set

Non è forse vero amore l’amore fatto di parole? Non richiede, forse, una gran cura e il coraggio di esporsi fino a denudarsi esattamente come un amore carnale?

Words Social Forum

È già tanto tempo che non le scrivo, signora Milena, e anche oggi Le scrivo soltanto per caso. Non dovrei neanche scusarmi se non scrivo: Lei sa come odio le lettere. Tutta l’ infelicità della mia vita – e con ciò non voglio lagnarmi, ma soltanto fare una constatazione universalmente istruttiva – proviene, se vogliamo, dalle lettere o dalla possibilità di scrivere lettere.

Gli uomini non mi hanno forse mai ingannato, le lettere invece sempre, e precisamente non quelle altrui, ma le mie. Nel caso mio si tratta di una disgrazia particolare, della quale non voglio dire altro, ma nello stesso tempo anche di una disgrazia generale.

La facilità di scrivere lettere – considerata puramente in teoria- deve aver portato nel mondo uno spaventevole scompiglio delle anime. È infatti un contatto fra fantasmi, e non solo col fantasma del destinatario, ma anche col proprio, che si sviluppa tra le…

View original post 1.274 altre parole

Annunci
Citazione

Un uomo alto, che non mostra la minima fretta

7 Set

Il fantasma di mio padre, se esiste, se ne sta davanti alla vetrina di un elegante negozio di abbigliamento maschile in Madison Avenue un tardo pomeriggio estivo. Un uomo alto, che studia un paio di scarpe italiane di pelle scamosciata marrone. È impeccabilmente vestito: completo tabacco, camicia azzurro scuro dai riflessi quasi viola, cravatta di seta rosa ruggine. Non mostra la minima fretta. A cinquantatré anni, i capelli che cominciano a diradare lisciati all’indietro, potrebbe essere un italiano o un sudamericano. «Bel Giorgio» lo chiamava una cameriera a Chicago. Nessuno immaginerebbe dal suo aspetto che è quasi al verde.

Charles Simic, Il mostro ama il suo labirinto, Adelphi, Milano 2012, p. 26

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: